Tutto quello che c'è da sapere su Novak Djokovic

Tutto quello che c'è da sapere su Novak Djokovic

Il nome di Novak Djokovic non è nuovo a chi ama il tennis. Siete curiosi di conoscere tutti i fatti su questa stella del tennis? Immergiamoci nel mondo di Novak Djokovic e scopriamo cosa lo rende una vera icona!


Domande frequenti su Novak Djokovic

Chi è Novak Djokovic? 
Novak Djokovic è uno dei più grandi atleti di tutti i tempi. Con 24 titoli del Grande Slam all'attivo, la star serba del tennis detiene attualmente il record del maggior numero di settimane in cui è stato classificato come numero 1 al mondo. 

Dove è nato Novak Djokovic?
Novak Djokovic è nato il 22 maggio 1987 a Belgrado, in Serbia.

Quanto è alto Novak Djokovic? 
188 cm.

Djokovic è vegano? 
Djokovic è famoso per la sua alimentazione a base vegetale e senza glutine. Anche se non ama essere etichettato come vegano, Djokovic evita di mangiare carne, pesce o di utilizzare prodotti di origine animale. 

Quanti figli ha Djokovic? 
Novak e sua moglie Jelena hanno due figli: un maschio di nome Stefan (nato nell'ottobre 2014) e una femmina di nome Tara (nata nel settembre 2017). 

Quanti Grandi Slam ha vinto Djokovic? 
Novak ha stabilito un record assoluto vincendo 24 titoli del Grande Slam in singolare maschile, tra cui il record di dieci Australian Open. 

Che racchetta usa Novak Djokovic? 
Novak utilizza una racchetta HEAD PT 346.1 pro stock con elementi segreti personalizzati. 

Quanti Wimbledons ha vinto Djokovic?
7

Quanti titoli ha Novak Djokovic?
In tutto, ha vinto 96 titoli di singolare, tra cui un record di 69 grandi titoli (24 major, 39 master e un record comune di sei campionati di fine anno).

Perché Novak Djokovic si chiama Nole?
Come avrete notato dal suo profilo sui social media (@djokernole su Instagram), Novak a volte si fa chiamare Nole. Nole è un soprannome comune per il nome Novak in lingua serba. 


Intervista a Novak "Nole" Djokovic

Per i fan di Novak e gli appassionati che già conoscevano tutti i fatti sopra citati e speravano di saperne di più, c'è una sorpresa! Abbiamo incontrato il nostro amato ambassador per saperne di più sul suo allenamento, la sua routine e i suoi hobby. Continuate a leggere!


Come fa uno dei migliori atleti di tutti i tempi a spingersi oltre? Come fai a superare costantemente i tuoi limiti?

Novak: Sta tutto nella volontà. La mia volontà è sempre stata quella di provare a vincere tutti i tornei a cui partecipo e di diventare il miglior giocatore del mondo. Naturalmente ci sono molte aspettative e pressioni, ma credo che questa sia anche una forza motrice che mi ha motivato nel corso della mia carriera. 

Fin da giovane sapevo di essere pronto a dedicarmi completamente al tennis e alla vita di un'atleta professionista. Nel nostro sport, questo comporta molto tempo lontano da casa e a volte ci si sente molto soli. Ma questi sono sicuramente i momenti che rafforzano il tuo carattere, definendo chi sei e cosa vorresti raggiungere. In quei momenti, scelgo di concentrarmi sui miei obiettivi e di ripetermi che i miei sogni si possono realizzare. 

 

Come affronti i pensieri e le emozioni negative di fronte alle sconfitte?

Novak: Quando i tuoi match point sono in svantaggio, o ti mancano pochi punti per perdere la partita, non puoi fare a meno di sentire che sei vicino alla sconfitta e questo non aiuta la concentrazione. A volte si pensa che quando si è al top da molto tempo non si abbiano più paure o momenti in cui si dubita di se stessi, ma non è così. Ci sono assolutamente e io li ho come tutti gli altri, ovviamente. Ciò che mi aiuta a gestire meglio questi momenti è l'esperienza, il fatto di essermi trovato in queste situazioni più della maggior parte degli altri giocatori. Questo conta, oltre la mia capacità di gestire le emozioni nel miglior modo possibile quando emergono. 

Non è un metodo garantito e non funziona sempre, ma nel mio caso sono fortunato perché la maggior parte delle volte in cui ho avuto momenti difficili e sono stato vicino alla sconfitta, sono riuscito a ribaltare la situazione credendo in me stesso e nelle mie capacità.

 

Che ruolo ha l'idratazione nel mantenimento delle tue prestazioni? O meglio, come inserisci l'idratazione nella tua routine quotidiana, sia in campo che fuori?

Novak: L'idratazione ha un ruolo estremamente importante. È una delle parti più integranti della salute in generale, ma lo è ancora di più per un atleta professionista. Come atleta, devi controllare la quantità di liquidi che assumi ogni giorno (che si tratti di acqua, elettroliti, minerali, vitamine o antiossidanti) e cercare di bilanciare la tua dieta con l'allenamento e il recupero. È davvero un lavoro a tempo pieno, anche quando si è fuori dal campo. 

Se si vuole essere i migliori e rimanere i migliori al mondo, bisogna pensare a ogni aspetto della propria vita, alla propria dieta e a come l'idratazione influisce sulle proprie prestazioni. Inutile dire che se non ci si idrata prima di una partita, si rischia di fallire perché quando si entra in campo ci si dovrebbe sentire già ben idratati e pronti per la partita. Da bravi atleti professionisti, non dovreste mai permettervi di trovarvi in situazioni di disidratazione. Certo, a volte può succedere quando fa molto caldo o ci si trova in condizioni estreme, ma l'idratazione è importantissima per ogni atleta.

 

Puoi illustrarci il tuo allenamento post torneo?

Novak: Dopo il torneo, di solito mi concentro sul recupero attivo, utilizzando le proprietà naturali dell'acqua per rilassare le articolazioni o i muscoli che sono stati sottoposti a uno sforzo fisico eccessivo durante il torneo. Di solito cerco di andare in acqua, al mare se posso, o in piscina. Anche i massaggi aiutano la circolazione e il processo di recupero. Per quanto riguarda il recupero mentale, cerco di passare del tempo con i miei cari e di godermi del tempo di qualità con loro, uscendo dal mondo del tennis per un po'... È importante bilanciare le cose! 

 

Come si fa a tornare a prepararsi attivamente per un torneo, o meglio a passare dalla routine post torneo alla ripresa della preparazione? 

Novak: In generale, bisogna idratarsi molto bene durante il tour ma anche dopo. Cerco di ricordare a me stesso e alle persone intorno a me di bere abbastanza elettroliti e, naturalmente, di nutrirmi e di seguire una dieta. È molto importante per il mio approccio olistico e per il mio benessere.

Riaccendendo i motori, mi piace iniziare gradualmente. Prima di una gara, trascorro qualche giorno in palestra e all'aperto. Mi piace molto stare all'aria aperta, fare attività come jogging, bicicletta... qualsiasi cosa sia. Anche nuotare. Mi piace essere in contatto con la natura e penso che questo mi dia forza, non solo fisicamente e mentalmente, ma anche emotivamente. 

Da lì, si aumenta l'intensità passo dopo passo, facendo esercizi isometrici e poi arrivando al campo, dove aumento gradualmente l'intensità. Più ci si avvicina al torneo, più ci si riattiva, perché ci si vuole mettere alla prova, ci si muove un po' e ci si avvicina a quella sorta di livello competitivo di cui si ha bisogno per giocare al meglio. Per il momento me la sto prendendo comoda, cercando di trovare il tempo per stare in natura e di darmi un po' di spazio per rimettermi in carreggiata con la preparazione mentale. 

 

Qual è la tua attività preferita nel tempo libero (oltre al tennis, naturalmente)?

Novak: Adoro le escursioni. Sono cresciuto su una montagna qui in Serbia e ho trascorso gran parte della mia infanzia arrampicandomi sulle montagne, sulle colline, salendo e scendendo, passando il tempo nella foresta. È una sorta di habitat naturale per me. Amo stare nella natura e se non ci vado da qualche giorno, sento già che mi manca. Penso che sia super importante. Ovviamente tutto nella vita è relativo e molto individuale e siamo tutti diversi. Ma credo che collettivamente dobbiamo prestare più attenzione alla natura, o meglio, al modo in cui trattiamo la natura.

La natura è ciò che siamo, è parte di noi e noi siamo parte della natura. A volte sottovalutiamo il potere di una passeggiata nel parco, di una nuotata in mare, di una gita in bicicletta o in kayak, o di qualsiasi altra cosa. Qualsiasi tipo di attività all'aria aperta che vi esponga alla luce del sole, che vi permetta di stare nella natura e di respirare i nutrienti essenziali di cui avete bisogno. Questo mi ricalibra davvero in un certo senso. Mi porta pace e serenità e, allo stesso tempo, mi rinfresca le energie per essere pronto per le sfide che verranno.